Le interviste di Istantempo TG24: Vanny Rosso.

Pochi minuti fa sul sito di Facebook Instantempo leggevo: “Brevettato un filtro instantempo per pensieri tinti”, il tempo di ridacchiare beata e dopo pochi istanti mi arrivano le risposte all’intervista del creatore di tale pagina e di http://instantempo.kommunity.it/, attualmente al 8° della classifica.

Un benvenuto di cuore a Vanny Rosso, che ringraziamo con ogni nostra molecole giornalistica per la risposta rapidissima e instantemporanea, visto che ci ha scritto dal cellullare in coda lungo l’autostrada  🙂

Come vedete, il creativo SEO non si ferma mai e le interviste instante(ste)mpo(ranee) nemmeno!

Alla richiesta di indicarci la fonte di ispirazione a partire dalla parola istantempo per il suo sito e per la sua pagina facebook, Vanny ci dice che “subito ho associato il neologismo ad un mio impossibile desiderio, il pubblicare o meglio trascrivere i miei pensieri all’istante, prima che inevitabilmente finiscano nell’oblio.”

Una motivazione di tipo filosofico-esistenziale, dunque, che noi apprezziamo moltissimo e condividiamo.

Gli abbiamo chiesto anche se istantempo, oltre ad essere un test di posizionamento a scopo scientifico, possa evolversi in una strategia commerciale efficace. Vanny ci ha risposto che in effetti “puó essere un’idea di marketing lanciata con grandissimo anticipo dei tempi. Come azienda sono contento di un un pò di visibilità tra gli operatori del settore e sono molto aperto a collaborazioni. Seguo Giorgio (Taverniti) da moltissimo tempo e, grazie a lui, ho stretto amicizie che si sono consolidate nel tempo, ed è questo che apprezzo maggiormente.”

Rispetto al rapporto con il lato ludico del contest? Vanny dichiara che si diverte molto a fare “articoli così strampalati” e che può sicuramente essere una strategia (secondo noi, tra l’altro molto efficace) per cercare di resistere nel rank.

Buona fortuna a lui e a tutti voi, buon lavoro e noi ci rituffiamo nell’instantempo, in attesa di parlare ancora con voi protagonisti del contest!

In attesa di nuove parole instantempiche,

Maria C. Bada

Questa voce è stata pubblicata in Interviste. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *